Come si misura la durezza di un rivestimento di vernice?

Come si misura la durezza di un rivestimento di vernice?

Il grado di durezza di un rivestimento in vernice è un parametro che spesso viene sottovalutato, mentre ricopre un ruolo molto importante nella determinazione delle prestazioni e della qualità del trattamento eseguito. Questo fattore può influire in modo negativo sul deterioramento, sulla adesione e sulle prestazioni del rivestimento compromettendo la tenuta e durata con conseguenti difetti e problematiche di entità più o meno gravi.

Come fare per prevenire ed eliminare questi inconvenienti?

Tra i Test di durezza per rivestimenti, la versione a matita “Wolff Wilborn” risulta la più diffusa e utilizzata per diversi motivi, tra cui la semplicità di utilizzo e il costo contenuto. Si tratta di un metodo che sfrutta come principio di misurazione il grado di durezza variabile delle matite e si basa sulla proprietà di incisione che queste sono in grado di trasmettere sulla superficie del rivestimento di vernice applicando una pressione costante regolata dalle norme di riferimento ISO 15184, ASTM D3363.

 

Come si esegue il test di durezza a matita Wolff Wilborn

1 – Scegliere la matita di partenza, è buona norma partire con il grado di durezza inferiore, nel caso della versione ARW-506 di ArwMisure si tratta della versione “6B” e successivamente passare via via al grado superiore

2 – Fondamentale la preparazione della matita, o meglio della punta in grafite che deve avere una forma ben definita. A tale proposito, la dotazione del test di durezza Wolff Wilborn contiene uno speciale temperino e una carta abrasiva che permettono di effettuare la preparazione in modo corretto.

 

 

3 – Inserire la matita correttamente sull’apposito foro facendo sporgere la punta sulla parte opposta. La sporgenza deve essere tale da garantire la planarità del carrellino sulla superficie piana facendo riferimento alla livella presente sul dorso. L’inclinazione della matita deve essere di 45° in conformità alla normativa di riferimento e il carco applicato può essere selezionato tra due opzioni, 750g e 1000g, la portata più diffusa e utilizzata è quella da 750g.

 

4 – Eseguiti i passaggi dei punti precedenti e di conseguenza terminata la fase di preparazione, è sufficiente appoggiare il carrellino sulla superficie verniciata e con la mano effettuare una spinta omogenea e lineare nella direzione della freccia posizionata sul dorso dello strumento. Non serve percorrete tratti molto lunghi, è sufficiente percorrere un tratto di 40/50mm.

5 – Eseguire le stesse operazioni scambiando le matite in modo progressivo, dal valore di durezza più basso via via crescendo fino a quando non si nota a livello ottico la presenza di un segno permanente sulla vernice. Il valore della matita precedente determinerà il grado di durezza.

 

 

Per informazioni più dettagliate sull’utilizzo e sulla procedura di verifica, fare riferimento alle norme ISO 15184, ASTM D3363, JIS K-5600, ECCA-T4-1, BS 3900-E19, SNV 37113, 184187 SIS, NEN 5350, MIL C 27 227, EN 13523-4

 

Un Kit completo!

Nella valutazione è importante assicurarsi che la fornitura del test di durezza a matita Wolff Wilborn sia fornito completo di tutti gli accessori per poter effettuare l’esame in modo completo. La dotazione di un certificato di calibrazione non è indispensabile per alcune realtà, ma certamente ricopre un ruolo importante al fine di garantire la qualità del prodotto.

 

 

Se invece desideri ulteriori informazioni su ARW Misure e sui nostri prodotti, non esitare a contattarci, riceverai pronta risposta da uno dei nostri esperti!

    Acconsento al Trattamento della Privacy*