Come funziona e a cosa serve lo Spessimetro ad Ultrasuoni

Come funziona e a cosa serve lo Spessimetro ad Ultrasuoni

All’interno delle officine meccaniche, spesso, siamo abituati ad utilizzare della strumentazione meccanica per la misurazione dello spessore del materiale. Calibri, micrometri e altri strumenti di misura sono certamente indispensabili a bordo macchina per qualsiasi controllo dimensionale durante le fasi di lavorazione. Oggi però esistono delle tecnologie interessanti che ci consentono di effettuare delle rilevazione in modo veloce e preciso agevolando notevolmente l’operatore, una di queste è lo “Spessimetro ad ultrasuoni”, uno strumento in grado di misurare lo spessore di un materiale sfruttando il principio di misura degli ultrasuoni.

Perché può rivelarsi molto utile il metodo di misura dello spessore ad ultrasuoni?

Il principio di funzionamento è abbastanza semplice e consente di misurare lo spessore di un materiale metallico e non solo con il semplice contatto della sonda sulla superficie dell’oggetto misurato. Non c’è la necessità di un riscontro dalla parte opposta  e di conseguenza la rilevazione risulta semplice e veloce con particolare agevolazioni in caso di misure di spessore su tubazioni, serbatoi, lamiere, parti meccaniche di ogni genere dove l’appoggio da ambedue i lati risulta difficile senza intervenire con sezionamenti oppure costringendo l’operatore ad effettuare misurazioni esclusivamente sui bordi del materiale.

Come funziona lo spessimetro ad ultrasuoni?

Come abbiamo detto precedentemente è sufficiente appoggiare la sonda di misura sulla superficie creando un accoppiamento, generalmente attraverso un Gel apposito che non sporca e non unge, ma possono essere utilizzati anche olio, grasso o altri prodotti similari.

La prima selezione va fatta nella scelta della tipologia di sonda necessaria alla propria applicazione, esistono due categorie di Spessimetri ad ultrasuoni, la versione a sonda doppia “Corrosion” e al versione a sonda singola “Precision

 

 

La prima versione “Corrosion” è la più diffusa e utilizzata, specie nel settore della manutenzione. Sfrutta la tecnologia a sonda doppia che permette di avere superfici di appoggio più ampie con minor difficoltà di misura in caso di rugosità o presenza di rivestimenti. Essendo composta da un cristallo suddiviso in due parti, una emittente e l’altra ricevente, durante la misurazione si crea un angolo più o meno ampio a seconda dello spessore misurato. Per questo motivo, a differenza della sonda singola, offre una risoluzione centesimale e una precisione minore, specie negli sbalzi elevati, come ad esempio nel passaggio da spessori fini (2/3mm) a spessori sostenuti (50/60mm e oltre) nello stesso ambito di misura. In questo caso, è possibile affinare la precisione effettuando una calibrazione specifica sul materiale e spessore del pezzo esaminato. Aspetto positivo di questa versione, il prezzo; si possono trovare degli strumenti di buona qualità anche a prezzi molto bassi al di sotto dei 500 euro.

 

 

La seconda versione “Precision è particolarmente interessante perché consente di effettuare misurazioni con risoluzioni del micron (0.001 mm) e precisioni molto elevate. Con questo strumento possiamo sostituire il micrometro e agevolare notevolmente le fasi di lettura risparmiando tempo e raggiungendo punti dove il normale “strumento meccanico” non riesce ad arrivare a causa della difficoltà nell’avere un riscontro dalla parte opposta.

 

 

Quali sono gli aspetti più importanti nell’utilizzo dello spessimetro ad ultrasuoni?

  • L’impostazione della Velocità degli ultrasuoni; Ossia il tempo che il segnale impiega a percorrere il pezzo e a ritornare in superficie. Questo dato varia da materiale a materiale in base alla resistenza e composizione, di seguito riportiamo una tabella riportante alcune velocità degli ultrasuoni relative ai materiali più comuni. L’impostazione della corretta velocità è fondamentale per ottenere un risultato preciso e attendibile, quasi tutti gli strumenti hanno la selezione diretta della tipologia di materiale e, per affinare notevolmente la misura, sono dotati di una funzione che consente di effettuare l’auto-calibrazione della velocità su un pezzo campione noto.

 

 

  • La rugosità superficiale; parametro importante per la misura con il principio ad ultrasuoni; per creare un accoppiamento corretto è indispensabile avere una superficie pulita e con un grado di finitura soddisfacente, non è necessaria una finitura estremamente liscia, ma che non presenti un grado di rugosità eccessivo. Niente ruggine o incrostazioni che possono bloccare l’accoppiamento e la penetrazione degli ultrasuoni sul materiale
  • Dobbiamo misurare delle superfici verniciate? Anche per questo c’è una soluzione! esistono degli spessimetri ad ultrasuoni con funzione “multi echo” che consentono di misurare lo spessore del materiale eliminando lo strato di vernice. In questo caso non è necessario andare a togliere il rivestimento per effettuare la misurazione, è sufficiente selezionare la modalità di misura “Thru-Paint” e appoggiare la sonda, lo strumento farà il resto.
  • I materiale sovrapposti, non sono un problema! Il segnale ad ultrasuoni rimbalza sulla parete opposta e di conseguenza se il materiale misurato è appoggiato su altri materiali, il segnale non viene minimamente modificato e la misurazione sarà eseguita solamente sul primo strato, Pensiamo ad esempio a lamiere sovrapposte o ai Coils, è sufficiente appoggiare la sonda sulla superficie in qualsiasi punto per ottenere la misura corretta dello spessore della singola lamiera senza dover spostare nulla, In altre parole i materiali sottostanti al primo non sono presi in considerazione.
  • Passaggio di liquidi o altro possono creare disturbo nella misura? No, per lo stesso motivo spiegato nel punto precedente, anche se nella tubazione o serbatoio sono presenti dei liquidi, la misura non subirà variazioni. Cosa decisamente interessante, specie nel settore della manutenzione per il controllo della corrosione che può essere fatta in modo semplice e veloce senza sezionamenti o modifiche agli impianti.

 

 

Se invece desideri ulteriori informazioni su ARW Misure e sui nostri prodotti, non esitare a contattarci, riceverai pronta risposta da uno dei nostri esperti!

    Acconsento al Trattamento della Privacy*