10 motivi per scegliere lo spessimetro per rivestimenti Surfix PRO

10 motivi per scegliere lo spessimetro per rivestimenti Surfix PRO

Il spessimetro per rivestimenti modello Surfix PRO-X è l’ultimo nato in casa Phynix (Spessimetriphynix.com), azienda tedesca, leader nella produzione di strumenti per la misura dello spessore di un rivestimento presente sul mercato da oltre 25 anni. La combinazione tra innovazione, tecnologia e attenzione alle esigenze di questo settore ha prodotto uno strumento in grado di soddisfare la stragrande maggioranza delle applicazione con estrema precisione offrendo un prodotto compatto e flessibile dotato di tutte le caratteristiche di cui un operatore necessita in questo campo di applicazione.

 

1) Un’unica sonda a doppia Tecnologia di misura “AUTO-FN”

Nessuna necessità di cambiare la sonda, ma un’unica sensore a doppia tecnologia in grado di misurare sia su substrati metallici ferrosi (magnetici) che non ferrosi (amagnetici). Questa caratteristica, oltre ad agevolare l’utilizzo del spessimetro eliminando perdite di tempo nella sostituzione, offre anche una funzione interessante, ossia, grazie al sistema di auto riconoscimento del substrato magnetico e amagnetico (AUTO-FN), consente di identificare velocemente il tipo di supporto adattando il sistema di misura in modo immediato.

Scopriamo meglio la funzionalità dei sensori Phynix

Principio di misura dei sensori

 

2) Disponibilità di sonde di misura intercambiabili

Il modello di Spessimetro per rivestimenti Surfix PRO X è dotato di un connettore Lemo pratico e semplice per il collegamento di una sonda esterna intercambiabile con riconoscimento automatico e dispone di una vasta gamma di sensori per differenti applicazioni. Oltre alle sonde di misura Standard per applicazioni generali , possiamo trovare dei modelli speciali con inclinazione a 90° per utilizzo all’interno di fori e spazi ridotti, delle versioni con campo di misura esteso fino a 30mm e, cosa particolare e interessante, delle sonde studiate appositamente per il settore dei pneumatici.

 

 

Nelle sonde standard è presente una versione con campo di misura ridotto (0 – 200 micron) che viene particolarmente apprezzata nelle situazioni in cui si deve misurare spessori molto sottili con precisioni elevate come ad esempio in galvanica nella misura dello spessore di zinco, oppure nel campo della misura del rivestimento di copertura delle schede elettroniche

 

 

3) Misura spessore strato di rivestimento su spazi ristretti

Dimensioni compatte e piedino di appoggio rimovibile per agevolare la misurazione in spazi ristretti o piccole cave. Il sensore di misura della sonda standard in dotazione ha un diametro di circa 5 mm e questo consente di utilizzarla anche in spazi molto stretti come ad esempio dei sottosquadra o delle piccole cave o rientranze. Per fare questo, però, è necessario rimuovere il piedino di appoggio e di conseguenza è necessario fare più attenzione, sia nel maneggiare la sonda che nell’appoggio, in quanto non essendoci il fine corsa dettato dal piedino, si deve fare riferimento alla manualità cercando di effettuare appoggi precisi e con la giusta forza senza esercitare una pressione elevata sul sensore. Cosa molto utile in questo casi l’abbinamento con lo Stativo in caso di oggetti di piccole dimensioni. Si raccomanda di togliere il piedino solamente nei casi di necessità.

 

 

4) Calibrazione semplice e veloce

Il misuratore di spessore di rivestimenti Surfix PRO X è fornito completo di 1 o 2 basi di azzeramento (Magnetica e amagnetica) a seconda della versione di sonda abbinata F / N / FN  e due spessori di riferimento calibrati. La calibrazione avviene in pochi secondi con dei semplici passaggi senza procedure complesse, è sufficiente selezionare il tipo di calibrazione (Zero o Lamina calibrata) e procedere con l’appoggio della sonda sulla base di azzeramento o sullo spessore calibrato posizionato sopra la base per effettuare la lettura e procedere con l’aggiustamento. Grazie all’elevata tecnologia , questa operazione non è sempre necessaria ad ogni utilizzo dello strumento, ma si può tranquillamente procedere nelle misurazioni, magari facendo solamente delle verifiche sugli spessori per accertarsi che non ci siano delle variazioni di tolleranza.

Nel caso di misura di spessori di vernice o altro rivestimento su superfici circolari, si raccomanda di eseguire la procedura di azzeramento ed eventuale calibrazione utilizzando una base non rivestita di spessore e diametro simile ai particolari misurati. Per saperne di più clicca su questo LINK

 

5) Misure di spessore su rivestimenti morbidi e sensibili, nessun problema!

Grazie al sistema adottato sulle sonde di misura Phynix che consiste nell’esercitare una pressione di carico molto ridotta durante l’appoggio (0.3N, 30g), l’inconveniente di un eventuale schiacciamento del rivestimento durante la misurazione viene presso che eliminato e, nel caso di rivestimenti estremamente soffici, è sufficiente interporre uno spessore di riferimento (lamina campione in materiale plastico fornita in dotazione) tra la sonda e la superficie del rivestimento per ridurre ulteriormente la pressione. In questo caso è necessario togliere il valore della lamina spessore campione utilizzata dal valore della lettura per ottenere il dato corretto.

 

6) Una Chicca! Display grafico a colori

Non è certamente una novità esclusiva, ma sicuramente una caratteristica interessante che offre la possibilità di avere una rappresentazione grafica delle misure effettuare direttamente sullo schermo del display. Siamo nell’era del digitale e le esigenze in questo campo sono sempre maggiori sia sotto l’aspetto ottico che in fatto di prestazioni offerte dalle apparecchiature di misura e controllo utilizzate nel sistema di controllo qualità dei processi aziendali e nello specifico di applicazione dei rivestimenti.

 

 

7) Memoria dati interna con sistema di archiviazione

Non una semplice memoria dati con salvataggio dei soli valori, ma un sistema di archiviazione che permette di salvare fino a 100.000 misure suddivisibili in differenti file nominabili cosi da tener separati lotti di misure effettuate su particolari o luoghi differenti, tutto organizzato in modo corretto e senza confusione.

 

8) Surfix PRO X, Interfaccia dati e software incluso

Ogni spessimetro viene fornito completo di cavo interfaccia USB e programma di trasferimento e gestione dati da installare gratuitamente sul proprio PC, una funzionalità importante e indispensabile al giorno d’oggi considerata l’elevata evoluzione digitale e l’introduzione dell’industria 4.0

 

9) Certificato di taratura ISO

Tutti gli spessimetri per la misura dello spessore di un rivestimento Phynix vengono forniti completi di un certificato di taratura con riferibilità a campioni primari secondo specifiche ISO a garanzia dell’elevata qualità e precisione offerta. Questo fattore risulta molto importante per tutte le realtà che operano nel regime di qualità ISO 9001 e devono inserire tutta la strumentazione all’interno del proprio sistema di gestione qualità. Il nostro servizio non si ferma qui, ma va ben oltre perché grazie al nostro laboratorio di certificazioni “Arwcertificazioni” siamo in grado di offrire il servizio di taratura  e ritaratura di tutti gli strumenti forniti e non solo, anche su strumentazione in possesso del cliente di altre marche, caratteristica e funzioni. Per qualsiasi esigenza o richiesta di preventivo fate riferimento a questo link.

 

 

10) Cura dei dettagli

Non solo un kit di fornitura completo che racchiude lo strumento, le basi di azzeramento, degli spessori campione per la calibrazione, il certificato di taratura e una robusta valigetta di custodia, ma anche un pratico guscio protettivo in gomma, molto utile in caso di caduta o urti violenti

 

Spessimetro per rivestimenti surfix pro-x

 

Se invece desideri ulteriori informazioni su ARW Misure e sui nostri prodotti, non esitare a contattarci, riceverai pronta risposta da uno dei nostri esperti!

    Acconsento al Trattamento della Privacy*